Covid, settore giovanile e prima squadra. Il bilancio di Loris Servadio: “Anno difficile ma stiamo centrando grandi risultati”

Anche e soprattutto per il settore giovanile rossoblu, la stagione 2020-21 non poteva che presentare diverse difficoltà, richiedere enormi sacrifici e incutere un po’ di timore. La società lo ha capito, lo ha accettato e ha agito di conseguenza. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e nell’aria si respira grande soddisfazione.

A tracciare un bilancio – più che positivo – è il Responsabile Tecnico della FC Vigor Senigallia – Scuola Calcio Vigorina, Loris Servadio. “Chiaramente i primi mesi c’erano diverse perplessità e sono stati indubbiamente i più difficili. Sembrava inizialmente che si potesse riprendere con le regolari attività ma poi è arrivato lo stop. Tutti questi cambiamenti ci avevano già fatto prevedere che sarebbe stato un anno complicato. Ammetto che nei nostri ragionamenti avevamo preso in considerazione l’idea che purtroppo qualche ragazzo potesse rinunciare ad allenarsi. Invece col passare del tempo, valuto la stagione fin qui più che positiva. I ragazzi partecipano alle sedute e le famiglie sono sempre pronte a confrontarsi con noi. Tocchiamo con mano numeri importanti nonostante le difficoltà”.

Risultati prestigiosi dovuti al notevole lavoro svolto da tutta la società e da tutto lo straordinario staff tecnico: “Non posso che complimentarti con tutti gli istruttori rossoblu, fin dall’inizio abbiamo programmato e valutato insieme le possibili attività da proporre ai ragazzi nel rispetto di tutte le normative vigenti. C’è stata collaborazione ed è la miglior base per lavorare bene. Il duro lavoro e i bei traguardi sono gli stimoli che, anche in un periodo così difficile, ci spingono ad andare avanti”.

Poi Servadio si focalizza sull’imminente futuro: “Ad oggi ritengo difficile programmare e prevedere cosa potremmo fare una volta finita la stagione. Resta comunque l’auspicio, qualora ci siano le possibilità, di poter magari organizzare dei tornei giovanili o un camp estivo. Ripeto però che ad oggi è impossibile pianificare. Si naviga a vista. Di certo c’è che abbiamo proseguito con piacere l’affiliazione col Bologna. Nonostante diverse difficoltà con gli spostamenti dovute alle limitazioni imposte dal Governo, gli istruttori del club emiliano ci hanno fatto visita e appena si potrà alcuni dei nostri ragazzi avranno la possibilità di raggiungere Bologna per potersi allenare ed essere visionati più da vicino. Di questo la società è orgogliosa. Purtroppo, per gli stessi motivi appena citati, non è stato possibile collaborare fino ad oggi con l’Anderlecht. Anche questa è una collaborazione a cui teniamo particolarmente ma l’emergenza sanitaria ha reso, per ora, il tutto più difficile”.

Sfruttando l’occasione, si è parlato anche delle sorti della prima squadra nel campionato di Eccellenza, prossimo (forse) a ripartire. “La volontà di ricominciare è nota ormai a tutti – afferma Servadio -. L’Eccellenza è strettamente collegata alla Serie D pertanto si deve concludere la stagione. Con quale format? Non saprei ma secondo me non ci saranno problemi a stipularlo. La Vigor era partita bene e ci tengo a sottolineare che i ragazzi cresciuti nel nostro vivaio hanno disputato un grande avvio di stagione. L’organico rossoblu è importante e ha tutte le carte in regola per fare un campionato di vertice”.